Ritorna al sito

SAN LIBORIO - Opera lignea (sec XVIII)

Fino agli anni sessanta del novecento, la Chiesa di Santo Stefano si arricchiva di una statua lignea raffigurante San Liborio, antico protettore della città di Molfetta.
La statua, in legno dorato, di autore sconosciuto, è alta 160 centimetri e fu realizzata nel primo decennio del 1700 su committenza del parroco del tempo, don Stefano Raguseo, al fine di accrescere il concorso dei devoti e, in modo particolare, di coloro che soffrivano di dolori ai fianchi e di calcolosi renale.
Il Santo, infatti, è raffigurato in abiti episcopali unitamente alla simbologia iconografica che lo identifica: un gruzzolo di pietre adagiate sul Vangelo a significare il patrocinio esercitato sulla ca1colosi. In seguito, lo stesso parroco riuscì ad ottenere, da Roma, una reliquia del Santo.
La statua, sottoposta a intervento di restauro all’inizio della seconda metà del novecento, rivelò purtroppo il suo precario stato di conservazione per cui l’Arciconfraternita, prudentemente, decise di collocarla in un luogo che desse maggiori garanzie di conservazione.
Il luogo fu individuato presso la pinacoteca Diocesana di Molfetta, mentre l’antica reliquia, si conserva in una teca d’argento a cura dell’Arciconfraternita dal Sacco Rosso.
.
- Testo a cura del prof. Nino Del Rosso. 
- Foto a cura del dott. Franco Stanzione. 
N.B. - Tutte le foto sono proprietà esclusiva dell' autore dott. Franco Stanzione ed è vietato riprodurle senza il suo consenso e/o omettendo di citarne la fonte.

Ritorna al sito

Visualizzazioni totali